Miglior prezzo garantito
 Arrivo
Arrivo

Patrimonio eccezionale della Camargue

La Camargue è una vasta zona umida in cui si incontrano tradizioni ancestrali, stagni, eccezionale biodiversità, villaggi notevoli, saline, musei, paludi, circuiti turistici e spiagge sabbiose. Scopri i suoi paesaggi incantevoli ed esotici, con la famiglia, gli amici, la coppia o da solo. Il Parco naturale regionale della Camargue desidera proteggere la sua flora e fauna, consentendo al contempo ai viaggiatori l'accesso e la scoperta. A cavallo, a piedi, in auto o in bicicletta, esplora la ricchezza e la qualità dei paesaggi offerti dalla Camargue. Culla dell'allevamento di cavalli, tori e musica gitana, eventi festosi abbondano alle Saintes Maries de la Mer.

Les Saintes-Maries-de-la-Mer

Capitale della Camargue, la città di Saintes-Maries-de-la-Mer è una terra di leggende, tradizioni e pellegrinaggi. Tra i paesaggi della Camargue e della Provenza, non rimarrete delusi dalla vostra visita a Saintes-Maries-de-la-Mer. All'ombra del suo campanile romanico, i visitatori passeggiano per i vicoli acciottolati, sulle orme dei pellegrini. Dal tetto della chiesa, il suo sguardo sull'allerta, il naso e i capelli al vento, si lascia conquistare dall'emozione dei grandi spazi aperti, dalle scene future della scoperta e dai caldi incontri con i manadiers uomini e donne che si stanno dirigendo verso il cavallo sui pascoli dei tori ha promesso un futuro glorioso. & nbsp;

L'anno è al ritmo di eventi tradizionali, pellegrinaggi, feste e tutti i tipi di eventi. Tra gli stagni, le paludi e le spiagge, ci saranno sport e ozio.

Per scoprire gli eventi durante il tuo soggiorno presso Les Palmiers, il tuo hotel a 2 stelle a Saintes-Maries-de-la-Mer, contatta la reception. & nbsp; & nbsp;

Chiesa di Nostra Signora del Mare

& nbsp; Costruita vicino alla foce del Petit-Rhône, la Chiesa di Saintes Maries de la Mer aveva un'importante posizione strategica. La chiesa domina il paese ed è visibile a 10 km dall'interno. È una vera fortezza, formata da un'unica navata diritta, senza ornamenti e alta 15 metri. Il tetto è circondato da una strada coperta, con merli e macchicolazioni e fungeva da torre di guardia. Il coro e l'abside sono sormontati da un sotterraneo emiciclo che contiene la vecchia sala della guardia chiamata "cappella superiore". Le pareti della chiesa sono forate con feritoie. È servito da rifugio per la popolazione e c'è persino un pozzo d'acqua dolce lì. Oggi, la statua di Sara, elemento essenziale del patrimonio degli zingari, è collocata nella cripta, a destra dell'altare. Il santuario, dedicato alla Vergine Maria invocato qui sotto il nome di Nostra Signora del Mare, fu costruito attorno a una chiesa primitiva che Saint Césaire d'Arles, nella sua volontà del 543, affidò la gestione al monastero che fondata ad Arles con sua sorella Césarie. Questa chiesetta fu costruita intorno a un'acqua fresca ben visibile nel santuario e vicino alla quale, si pensava, i santi furono sepolti. Gli storici più contemporanei situano la costruzione della chiesa fortificata nella seconda metà del XII secolo, mentre altri risalgono alla navata dell'XI secolo e alla parte corrispondente al coro del IX secolo. Nell'agosto 1448, dopo la scoperta dei corpi dei santi, il re René d'Anjou costruì l'attuale cripta , la chiesa primitiva che era stata conservata fu distrutta, il santuario contenente le reliquie viene elevato a la cappella superiore. Si raggiunge attraverso la terrazza sul tetto prendendo scale a chiocciola integrate nello spessore delle pareti. & Nbsp;

Manade tradizionale

Per scoprire la tradizione bovina della Camargue, niente di meglio che visitare un manade. Esci e incontra questi tori appassionati, le razze e le tradizioni della Camargue. Conosci il lavoro di un gardian partecipando a una giornata di scoperta nel cuore di una manade.

Parco ornitologico

In questa riserva ornitologica, il Ponte Gau, osserva l'eccezionale fauna della Camargue allo stato naturale. Nel cuore della natura, puoi passeggiare sui numerosi ettari protetti del parco ornitologico e andare a incontrare molte specie di uccelli.